La Lupulus Brune: birra belga dal gusto inconfondibile

birra lupulus brune gusto inimitabile

Chi pensa che la migliore birra sia solo irlandese o tedesca si sbaglia di grosso. Tra le numerose varietà di birra che il mercato propone, un posto d’eccellenza lo occupa sicuramente la Lupulus Brune, una birra scura nata in uno dei birrifici più rinomati del Belgio, il Les 3 Fourquets.

E’ possibile gustarla alla spina ma solo in determinati pub esclusivi e di un certo livello oppure nella classica magnum da 75cl sigillata con tappo di sughero.

Come si intuisce già dal nome, si tratta di una birra dal colore rosso bruno, meglio conosciuto come “tonaca di frate”, dovuto alla presenza dello zucchero di canna e caratterizzata da una schiuma corposa e densa, dalle tonalità beige chiaro, che conferisce alla bevanda un corpo rotondo e un gusto morbido in bocca.

Il pezzo forte è sicuramente l’aroma, che si distingue per il suo profumo delicato in cui si percepiscono chiaramente fresche note di agrumi e di caramello.

Nella prima fase di degustazione si avverte un sapore di frutta dolciastra, per poi arrivare nella fase finale ad un leggero retrogusto “luppoloso”. L’ideale sarebbe servirla in una coppa abbastanza ampia affinché tutti gli aromi presenti in essa possano sprigionarsi in piena libertà.

Curiosità, storia e tradizioni sulla birra Lupulus Brune

Pierre Gobron è stato colui che ha dato vita al birrificio artigianale Les 3 Fourquets circa dieci anni fa (2007). E’ considerato un maestro nell’arte della birra ed è fra i più conosciuti e apprezzati in Belgio per essere uno dei fondatori de La Chouffe. Caratteristica è anche la sede dove sorge il birrificio: un pittoresca fattoria del Settecento situata in una zona impervia nel sud del Belgio che fa parte del patrimonio delle Ardenne. In questa luogo è presente anche una sorgente di acqua purissima, fonte ideale per realizzare un’ottima birra.

La maggior parte degli estimatori di birre artigianali conoscerà sicuramente il simbolo della birra Lupulus che è, appunto, un lupo. Il motivo è legato ad una leggenda locale: si narra che branchi di lupi provenienti dalla lontana Slovenia, rinomata per la produzione dei migliori luppoli del mondo, avevano scelto le verdi terre delle Ardenne come meta perfetta per vivere. Altra curiosità legata alla simbologia del lupo riguarda la parola “luppolo” che in latino si traduce con Humulus Lupulus, ovvero “piccolo lupo umile”.

Caratteristiche della birra Lupulus

Gobron ha voluto realizzare una birra che mantenesse scrupolosamente le linee guida standard della produzione artigianale, focalizzando l’attenzione sulla selezione delle materie prime e sul processo di produzione, aspetti molto cari ai nostalgici del mondo della birra. Il risultato è questa pregiata bevanda rifermentata di gradazione alcolica 8,5% vol., sia nella classica magnum da campagne sia in fusti, realizzata in tre differenti varietà di luppolo sapientemente selezionati. Durante la fase di produzione, questa birra non viene filtrata, né pastorizzata, per valorizzare al meglio le sue proprietà organolettiche. Il risultato è una schiuma densa e corposa, un gusto piacevole e molto delicato in cui si percepisce sin da subito il luppolo, il timo e la bacca di ginepro. Ideale se abbinata con arrosti di maiale o pesce, come ad esempio le seppie in umido oppure rombo con patate.

Lascia un commento