La filosofia del Birrificio Lambrate

Produrre birra non è mai stato così facile per lo staff del Birrificio Lambrate, appassionati e specialisti della materia, dotati di estro e di molta fantasia. Come in qualsiasi settore che si rispetti, alla base di tutto c’è la ricerca e la selezione di prodotti di qualità, una produzione mediante antichi processi di lavorazione e una macinazione e una pesatura controllata del malto d’orzo. A seguire c’è poi la fase preparatoria del mosto di birra e del filtraggio. Infine, a completare il tutto, c’è il processo di ebollizione del mosto filtrato con l’inserimento del luppolo, la centrifugazione, il raffreddamento e

Se ti sono piaciuto... condividimi !
Share on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter

birrificio artigianale lambrate

Produrre birra non è mai stato così facile per lo staff del Birrificio Lambrate, appassionati e specialisti della materia, dotati di estro e di molta fantasia. Come in qualsiasi settore che si rispetti, alla base di tutto c’è la ricerca e la selezione di prodotti di qualità, una produzione mediante antichi processi di lavorazione e una macinazione e una pesatura controllata del malto d’orzo. A seguire c’è poi la fase preparatoria del mosto di birra e del filtraggio. Infine, a completare il tutto, c’è il processo di ebollizione del mosto filtrato con l’inserimento del luppolo, la centrifugazione, il raffreddamento e l’ossigenazione. Per avere un ottimo prodotto finito bisogna attendere circa un mese, dopo aver superato rigorosi processi e controlli qualitativi che condizioneranno la birra.

L’intero processo produttivo è sotto l’attento controllo del mastro birraio e della supervisione del laboratorio di analisi interno all’azienda, che ha una capacità produttiva di circa 20 ettolitri a cotta.

Note degustative e analisi della birra Montestella

L’azienda lombarda produce numerose tipologie di birre, partendo dalle classiche fino ad arrivare a quelle con disponibilità occasionale. Tra quelle più gettonate e famose del marchio, annoveriamo la Montestella, in perfetto stile Pilsner e con una tonalità di colore tendente al dorato e con un prezioso cappello di schiuma compatto. Al primo assaggio si percepiscono chiaramente le note erbacee del luppolo appena raccolto, i fiori di campo e quel tocco di cereali che non stona assolutamente. Il sapore intenso è dovuto ad un esaltante gioco di equilibri tra l’amaro del luppolo e il malto dolce che fa di questa birra una bevanda molto gustosa da bere. Grazie alla sapiente selezione dei luppoli, in special modo quello tedesco, si ottiene una birra dalla qualità e dal gusto inconfondibile.

Qualità, selezione delle materie prime e produzione

La “mission” dell’azienda è improntata interamente sulla cura e sull’attenzione della scelta delle materie prime necessarie all’intera filiera produttiva. La provenienza dei prodotti primari è quasi tutta esclusivamente tedesca, tranne per alcune tipologie di malto d’orzo di origine inglese che viene lavorato in una specifica area geografica, in condizioni di temperatura e di umidità ottimali ai fini di un’ottima conservazione. Il luppolo è l’elemento “principe” e difatti viene impiegato nelle sue diverse qualità provenienti dall’America, dalla Slovenia e dalla Nuova Zelanda. Talmente importante che occupa un’intera cella frigorifera a parte, dove viene stoccato e poi conservato sottovuoto, lontano da fonti di luce e calore, per mantenere inalterate le sue proprietà organolettiche. Tra i compiti del mastro birraio c’è anche quello inerente alla pesatura e alla selezione della qualità più pregiata del malto d’orzo da utilizzare. Generalmente, vengono impiegati dai 350 ai 500Kg. di malto d’orzo per ottenere circa 2000 litri di birra. Un altro passaggio importante è quello della macinazione del malto per ridurlo in chicchi minuscoli che serviranno per la saccarificazione. Il malto macinato viene stoccato in appositi tank per poi essere sottoposto alla fase del dosaggio e della miscelazione con l’acqua in una caldaia ad una temperatura di circa 40°C.

Il risultato finale è una birra artigianale dal gusto intenso e profondo, dal corpo morbido e con un cappello di schiuma cremoso.

 

Se ti sono piaciuto... condividimi !
Share on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter

Lascia un commento