Intervista al mastro birraio Giuseppe Schisano

Intervista al mastro birraio Giuseppe Schisano

Giuseppe Schisano: professione birraio

Cosa ti ha spinto a fare questo lavoro?

Ho cominciato facendo birra in casa ma fin da subito mi ha affascinato. Fin dalla prima cotta ho buttato via l’estratto e mi sono dedicato all’all-grain. E’ stato amore a prima cotta ed è stato un crescendo. Poi ho avuto la fortuna di conoscere persone che mi hanno dato la possibilità di esprimermi sui loro impianti.

Come, dove e quando hai iniziato ufficialmente a essere mastro birraio?

La prima cotta commercializzata è stata brassata ad Agosto 2009, ma non mi piace la definizione di “mastro birraio”.

Qual’è stato il tuo percorso formativo (maestri, scuole, etc.)?

Tanta birra fatta in casa e sottoposta al giudizio di esperti e non. Tanti libri, tanto confronto con altri Birrai e girovagare tra i Birrifici e finalmente dal 2009 la possibilità di utilizzare gli impianti del Birrificio Karma prima e di Maneba poi.

Qual’è la tua filosofia nei confronti della birrificazione?

Birre semplici ma non banali. Devono essere le birre che piacciono a me, birre che si lasciano bere, che non rimangono nel bicchiere ma con una propria personalità. Che ti lasciano qualcosa.

Cosa ti soddisfa maggiormente nel tuo lavoro?

La possibilità di creare qualcosa che possa regalare un piacere, un’emozione a chi beve le tue Birre!

E l’aspetto negativo, se esiste?

Per me non esiste!

Consiglieresti di intraprendere questo mestiere?

Se si è disposti a fare tanti sacrifici, una gavetta continua cercando di migliorarsi sempre e fare tanta tanta fatica … Si lo consiglio!

Se si, o se no, perché?

Perché fare Birra non ti renderà ricco ma realizzato forse si.

Progetti futuri?

Portare a termine il progetto di un impianto più grande, sviluppando luppoleto e agrumeto propri e Birra Campana di filiera agricola con A. Bi.Campania .

La birrificazione per Giuseppe Schisano

Parliamo del tuo lavoro. Con quale impianto lavori?

Attualmente ho un Braumaster preso usato da altri birrifici e modificato secondo le mie esigenze.

In che ambiente preferisci operare?

Pulito e organizzato il più possibile. Ogni cosa deve avere il suo posto.

Selezioni personalmente gli ingredienti da utilizzare?

Assolutamente si!

Le birre di Giuseppe Schisano

Quale delle tue birre preferisci?

Le Birre sono come i figli!

Quale senti che ti rappresenta maggiormente?

In ognuna c’è qualcosa di me.

Descrivi brevemente le tue birre.

La Syrentum è una Birra Chiara in cui utilizzo, nella fase di produzione bucce fresche di limone di Sorrento IGP, che conferisce una maggior freschezza al prodotto. Ha un amaro secco che rende la Birra molto beverina. In essa utilizzo anche delle spezie per creare un bouquet dove il limone ha uno spunto in più senza però prevaricare e divenirne unico caratterizzante.

La Minerva è una Birra Ambrata in cui utilizzo, nella fase di produzione bucce fresche di arance di Sorrento. Ho voluto dare più spazio alle senza ioni dei malti: Note di caramello, note mielate e di caffè. Mi è piaciuto giocare, pensando al cioccolato all’arancia inglese, con l’agrumato e le tostature dei malti che le conferiscono una particolarità in più.

Quali cibi abbineresti alle tue birre?

Beh senza troppa filosofia un buon abbinamento serve per mangiare e bere meglio. La Syrentum con un agrumato fresco che tende a ripulire il palato la vedo bene con fritture di pesce o verdure in tempura, un piatto di totani e patate, mozzarella di Bufala o una pizza margherita. La Minerva un pochino più avvolgente, con un amaro molto particolare dovuto all’agrumato delle arance e dalle tostature dei malti mi piace degustarla su una carne alla brace magari con contorno di rucola selvatica e aceto balsamico. Anche su un profitteroles o una mousse al cioccolato non è niente male.

La birra secondo Giuseppe Schisano

In questi anni il consumo di birra artigianale è cresciuto sensibilmente: è cambiato qualcosa nei nostri gusti? Cosa, secondo te?

E’ cresciuto ma ci sono ancora ampi margini. La diffusione è a macchia di leopardo sul territorio Italiano. Secondo me siamo ancora in una fase in cui si viene a conoscenza dell’esistenza di questo prodotto e, un po’ come successe nel vino, è “figo” saperne qualcosa. C’è ancora troppo poca consapevolezza di quello che si va a consumare e soprattutto di quello che si propone ai clienti.

Come si sta evolvendo il rapporto degli italiani con la birra artigianale?

Credo e spero che avvenga un po’ quello che è successo con il vino negli ultimi 40 anni cercando di evitarne gli errori.

La tipologia di birra che preferisci?

Quella che riesco a bere tutta e ne ho ancora voglia!

La birra più buona che tu abbia mai assaggiato?

Sono tante!

Una classifica delle 5 birre da assaggiare almeno una volta nella vita?

Perché fermarsi a 5 è troppo limitante. Per esempio se dicessi westvleteren, giusto per citarne una poco conosciuta ?, quale annata, quale lotto, la 8 o la 12? Ogni risposta non sarebbe esauriente.

E i 5 birrifici da non perdere assolutamente?

Anche qui è limitativo. Comunque un appassionato dovrebbe almeno visitare Rodenbach, Cantillon, Orval, Pilsner Urquell e Dogfish Head…ma in definitiva ovunque c’è un birrificio vale la pena farci una visita, male che vada ci scappa una Birra.

Esiste nel mondo un luogo che possiamo definire “tempio della birra”?

I birrifici che ho citato sopra penso possano essere considerati tali a livello produttivo. A livello di mescita mi viene da pensare al Moeder lambic ma ce ne sono altri.

Cosa pensi della Oktoberfest?

Una festa a cui partecipare per divertirsi un po’ in allegria.

Ci sono fiere e manifestazioni che meritano di essere visitate dagli appassionati di birre artigianali?

Nel 2014 noi insieme ad altri colleghi saremo al Vinitaly a Verona (Aprile), al Cibus di Parma (Maggio) e al Salone del Gusto di Torino (Novembre). Credo che siano manifestazioni di altissimo profilo.

Carta di identità

  • Nome e cognome: Giuseppe Schisano
  • Città: Sorrento (Na)
  • Email: info@birrificiosorrento.com
  • Sito internet: www.birrificiosorrento.com
  • Facebook: Birrificio Sorrento
  • Twitter: @birrsorrento

Lascia un commento