Birra Leffe e birrificio

Il birrificio e la birra Leffe

Nella porzione meridionale del Belgio, e precisamente in Vallonia (provincia di Namur) si trova la splendida cittadina di Dinant, situata sulle rive del fiume Mosa. A un chilometro da Dinant si trova a sua volta l’Abbaye de Notre-Dame de Leffe, nella quale secondo un antico documento custodito negli archivi di stato è dal 1240 che si produce la famosa birra Leffe.

In epoca medievale i monasteri producevano birra non tanto per passione, quanto piuttosto per necessità. Il “pane liquido” – così veniva definita la birra – rappresentava infatti una importante voce dell’alimentazione di quell’epoca, essendo ricca di nutrienti e di vitamine del gruppo B. Inoltre, grazie al processo produttivo che comprendeva anche la bollitura, questa bevanda era sicura da bere poiché priva di qualsiasi rischio di contaminazione (es. salmonella).

birra Leffe

Storia dell’Abbaye de Notre-Dame de Leffe

Purtroppo la storia dell’abbazia di Leffe fu enormemente travagliata. Nel XV secolo successe praticamente di tutto: prima la peste uccise molti dei monaci, poi una esondazione della Mosa rase praticamente al suolo l’edificio. Non appena ricostruita, Carlo I di Borgogna assediò, saccheggiò e incendiò l’abbazia. Nel 1735, poi, l’edificio sacro venne nuovamente distrutto dagli Ussari.

L’attività produttiva proseguì nonostante tutte queste vicissitudini storiche, anche se con notevoli interruzioni, per poi interrompersi in seguito alla Rivoluzione Francese quando l’abbazia venne abolita e dichiarata proprietà dello stato. L’ultima birra a Leffe venne prodotta nel 1809.

Nel 1937 l’abbazia di Leffe venne dichiarata edificio storico di interesse nazionale e a partire dal 1952 venne riavviata la produzione birraria grazie alla volontà dell’allora abate Cirille Nys di recuperare le antiche tradizioni. La prima birra nata (o, meglio, ‘rinata’) a Leffe fu una tipologia scura (Brune), ed ebbe subito un grande successo.

Nel 1977, per far fronte alle enormi richieste, il birrificio di Leffe decise di allearsi con la Brasserie Artois, pur imponendo il rispetto delle tradizioni storiche. Dal 2004 la produzione è passata sotto il controllo del gruppo internazionale InBev.

Tipologie di birra Leffe

Sono circa una decina le diverse tipologie di birra Leffe ad alta fermentazione che oggi fanno parte dell’ampio assortimento prodotto dal birrificio: ciascuna presenta le sue caratteristiche distintive, e si tratta di un universo che merita di essere scoperto in tutte le sue sfaccettature.

Peccato che in Italia alcune di queste birre siano molto difficili, se non addirittura impossibili, da reperire!

  • Birra Leffe Brune (6.5°)
    è una birra dal colore bruno scuro, prodotta secondo la ricetta originale dell’Abbazia di Leffe. È caratterizzata da un profumo intenso che richiama quello della mela matura, mentre il sapore è pieno, con lievi note di vaniglia e di chiodi di garofano. Si tratta di una bevanda da gustare intorno ai 5-6°C, dal sapore pieno e leggermente fruttato, che richiama al caramello. Il retrogusto della Brune è speziato e piacevolmente secco.
  • Birra Leffe Blonde (6.6°)
    dal colore dorato e dai riflessi brillanti, determinati dall’impiego di malti chiari. Il gusto è pieno, elegante e fruttato, mentre il retrogusto è speziato con una punta di arancia amara. La temperatura di servizio ottimale di questa vera e propria ‘bandiera’ della produzione Leffe è di 5-6°C circa.
  • Birra Leffe Radieuse (8.2°)
    è una versione dal colore bruno-dorato che sorprende il palato con il suo ricco e complesso bouquet, e che forma una schiuma densa e cremosa. Il sapore è fruttato, leggermente torrefatto e con una punta di lievito, mentre il retrogusto è caldo e persistente. La Radieuse il meglio di sé quando servita alla temperatura di 5-6°C, ed è considerata una birra da intenditori.
  • Birra Leffe Triple (8.4°)
    questa birra dal colore giallo dorato scuro è caratterizzata da un ricco bouquet dal sentore leggermente agrumato; il sapore è pieno, robusto e fruttato, mentre il retrogusto è aromatico. Al pari delle altre Leffe viste sinora, anche la Triple va gustata intorno ai 5-6°C.
  • Birra Leffe 9° Rituel (9°)
    il suo colore è dorato intenso, ed è una birra piena di carattere grazie alla sua elevata gradazione alcolica e al suo gusto ricco, speziato, fruttato e al tempo stesso leggermente amarognolo. Il retrogusto della 9° Rituel è persistente e richiama leggermente all’affumicato.
  • Birra Leffe Ruby (5°)
    si tratta della tipologia più dolce, e al tempo stesso meno alcolica, della ‘grande famiglia’ Leffe. Si tratta di un riuscito incontro tra birra d’abbazia e frutti di bosco, ovvero lampone, fragola e mirtilli rossi, il cui sapore è gradevole, speziato e rinfrescante, con una leggera punta di affumicato. La Ruby è prodotta in quantità limitate e disponibile solamente in particolari periodi dell’anno (da giugno a settembre).
  • Birra Leffe Printemps (6.6°)
    è tipica del periodo primaverile (Quaresima), prodotta in quantità limitate. Questa birra dai bei riflessi rossi si distingue per il suo bouquet molto fruttato e speziato (chiodi di garofano e vaniglia). Il sapore della Printemps richiama leggermente quello del caramello, e nonostante la sua dolcezza risulta equilibrato.

Birra Leffe: le speciali

Oltre a queste, esistono anche altre tipologie di birra Leffe prodotte dal birrificio in edizioni ‘speciali’ come:

  • Vieille Cuvée (8.2°)
  • Royal (7.5°)
  • Nectar (5.5°)
  • Noël (6.6°)

quest’ultima disponibile nel periodo natalizio.

Informazioni utili sulla birra Leffe

  • Abbaye de Notre-Dame de Leffe / AB InBev
  • Sito web: http://www.abbaye-de-leffe.be/ (Abbazia di Notre-Dame de Leffe); http://www.leffe.com (sito commerciale)
  • Indirizzo: Place de l’Abbaye 1, B-5500 Dinant (Belgio)
  • Tel.: +32 (0)82 222377
  • Fax: +32 (0)82 213728

Lascia un commento