Birrificio artigianale Barley: orgoglio sardo

Anche l’Italia dà soddisfazioni nel settore delle birre artigianali, come ad esempio quelle prodotte dal Birrificio Artigianale Barley, una piccolissima realtà della Sardegna che realizza birre di media-alta fascia. Nato nel 2006 dall’idea di due soci profondamente appassionati di birre di alta qualità, l’azienda oggi può vantare un ventaglio di offerte abbastanza ampio, composto da 12 modelli di birre, tutte prodotte con ingredienti e materie prime legate al territorio di produzione. Il “modus operandi” del birrificio Ogni tipologia di birra è caratterizzata da gusto, aromi, e profumi di elevata intensità; non pastorizzate, non filtrate e rifermentate in bottiglia in modo

Se ti sono piaciuto... condividimi !
Share on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter

birrificio artigianale sardo barley

Anche l’Italia dà soddisfazioni nel settore delle birre artigianali, come ad esempio quelle prodotte dal Birrificio Artigianale Barley, una piccolissima realtà della Sardegna che realizza birre di media-alta fascia.

Nato nel 2006 dall’idea di due soci profondamente appassionati di birre di alta qualità, l’azienda oggi può vantare un ventaglio di offerte abbastanza ampio, composto da 12 modelli di birre, tutte prodotte con ingredienti e materie prime legate al territorio di produzione.

Il “modus operandi” del birrificio

Ogni tipologia di birra è caratterizzata da gusto, aromi, e profumi di elevata intensità; non pastorizzate, non filtrate e rifermentate in bottiglia in modo tale da valorizzare al massimo le materie prime e conferire alla birra un gusto e una digeribilità unica.

La costanza e l’impegno dei due soci, unita alla pregiata qualità delle materie prime, hanno contribuito a diffondere la fama delle birre Barley oltre oceano, esattamente negli Stati Uniti d’America, grazie anche alla conoscenza di esperti “cultori” americani che hanno introdotto queste birre “made in Italy” in un canale di ristoranti di altissima fascia. Il successo, però, gradualmente si è allargato verso i mercati asiatici e soprattutto in alcune nazioni europee, dove c’è una forte storia e tradizione brassicola, come la Germania, il Regno Unito e il Belgio.

Grazie alla forte richiesta delle birre Barley negli ultimi anni, il birrificio ha dovuto aumentare la sua produzione artigianale con la costruzione di un nuovo stabilimento a pochi chilometri di distanza dal primo. Dal dicembre 2015 è iniziata la produzione nel nuovo nucleo produttivo, nel quale è stata trasferita l’intera linea logistica, inclusa la vendita al pubblico, con la produzione della bottiglia base da 75 cl. Nel vecchio birrificio, invece, continuano ad essere prodotte sia le birre in formato da 37,5 cl. molte richieste dai mercati esteri, sia la linea di fascia alta in bottiglie da 75 cl.

Caratteristiche e tipologie disponibili

Il birrificio si contraddistingue per la produzione di tre tipi di birra disponibili tutto l’anno, ossia la Friska, la Sella del Diavolo e Toccadibò. A queste si aggiungono altre linee di notevole qualità e prodotte con elementi e materiali del posto: la BB10, a base di mosto cotto provenienti da uve Cannonau; BBevò prodotte con mosto da uve Nasco e la BB9 con uve Malvasia. Da annoverare anche la Zàgara, prodotta con miele d’arancio fatto da api biologiche rigorosamente sarde; la Duenna, che ricorda lo stile 4 belga “Saison” che ha lasciato il segno sia in territorio nazionale che internazionale.

L’ultima nata è la BB7 che rappresenta una birra “sperimentale” per la quale è stata applicata una metodologia inedita con l’aggiunta di mosto fiore proveniente da uve bianche aromatiche rigorosamente sarde, concentrato sottovuoto a bassa temperatura. Il risultato è una birra dal carattere forte, dal sapore ricco, con note agrumate, tropicali e un gusto lievemente amarognolo, tipico del Birrificio Barley che con questa ultima creazione completa un percorso di altissimo livello e di soddisfazione per il consumatore.

 

Se ti sono piaciuto... condividimi !
Share on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter

Lascia un commento