Birrificio Andechs, una storia ricca di tradizioni

Restando in terra bavarese, un’altra brauerei degna di nota è sicuramente quella di Anderchs, collocata sulla costa orientale del lago Ammer (Ammersee), nella zona della Baviera, non molto distante da Monaco. In particolare, il birrificio Andechs si trova entro le mura del Monastero della città ed è considerata una delle sei realtà brassicole più importanti della nazione, gestita interamente da una comunità di stampo religioso. L’ordine è quello dei monaci di Andechs e del collegio benedettino di San Bonifacio a Monaco.

Se ti sono piaciuto... condividimi !
Share on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter

antico birrificio artigianale Andechs

Da non sottovalutare il fascino e la bellezza del Monastero, conosciuto anche come il “Gioiello della Baviera” per la sua straordinaria imponenza in cima al “Sacro Monte”: un’antica parete rocciosa d’importanza romana, ribattezzata con questo appellativo nel X secolo d.C. per essere il luogo in cui furono conservate dal Conte Rasso alcune reliquie e Tre Ostie Sacre con proprietà miracolose provenienti dalla Terra Santa. Ed è per questo motivo che questa zona è stata ed è ancora oggi, una meta di pellegrinaggio con migliaia di persone provenienti dall’intera Germania.

Le origini

Nel 1850 il Monastero divenne parte integrante del complesso monastico di San Bonifacio. L’Abbazia fu costruita intorno al 1455 per opera del duca bavarese Albrecht III che finanziò i lavori per la realizzazione come forma di redenzione e pentimento per la terribile azione che aveva commesso suo padre ai danni della moglie, Agnes Bernauer, affogandola nel fiume Danubio per aver scoperto di non essere di stirpe nobile. Da sempre considerati come luoghi di culto, i monasteri erano dei veri e propri centri spirituali e culturali, in cui vigeva il motto di San Benedetto da Norcia “ora et labora”, una regola seguita alla lettera anche dai fratelli benedettini bavaresi.

Dal momento che il lavoro svolto dai monaci non era rimunerato dalla cerchia ecclesiastica, l’intera struttura brassicola si attrezzò diversamente per conseguire buoni profitti a beneficio di programmi pastorali, educativi e sociali, ben sapendo di essere legati a un’identità monastica e a una crescita eco-sostenibile e non a una massimizzazione dei guadagni. Chiaramente, la produzione di birra rappresentò l’attività più redditizia per l’Abbazia: dava lavoro a circa duecento persone creando numerose varietà di birra e miscelando sapientemente la tradizione birraia benedettina alle tecnologie brassicole più innovative.

Curiosità e stili di birra

Nell’era odierna, il birrificio Andechs è stato migliorato e ampliato con l’installazione di attrezzature ad-hoc, come bollitori, fermentatori, caldaie e linee di imbottigliamento che permettono una produzione di birra annua di circa nove mila ettolitri. Tra i progetti aziendali c’è anche quello di acquistare un edificio di mille metri quadrati, oltre la sede principale già operativa, per sistemare botti di legno per una migliore maturazione della birra.

Le varietà di “bionde” proposte sono quelle classiche teutoniche, come Bock ma anche stili affini, come Dunkel, Helles, Dunkelweizen e Weizen, prodotte con ingredienti di eccelsa qualità e nel pieno rispetto dell’Editto di Purezza emanato dal Duca Guglielmo IV di Baviera nel lontano 1516. Parte di queste birre sono poi esportate all’estero con una produzione che supera i 100.000 ettolitri all’anno.

Oltre alla birra, all’interno del Monastero, è possibile degustare anche liquori e grappe prodotte secondo particolari e antichi procedimenti a base di materie prime naturali e curative provenienti dalla Sacra Montagna.
Accanto all’Abbazia è presente una cappella in cui giace la tomba di Carl Orff, un famoso compositore bavarese divenuto celebre per la sua cantata scenica, molto apprezzata dalla cultura popolare tedesca, derivante da un manoscritto duecentesco in lingua latina-tedesca denominato “Carmina Burana”. Inoltre, all’interno del Monastero sono conservate due preziose reliquie di tradizione cristiana: i ramoscelli della corona spinosa di Cristo e una croce che Carlo Magno ricevette come dono dagli angeli.

Se ti sono piaciuto... condividimi !
Share on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter

Lascia un commento