Birra Hacker-Pschorr

Birrificio e birra Hacker-Pschorr

Birrificio e birra Hacker-Pschorr (Germania)

Secondo i più antichi documenti scritti sopravvissuti sino ai giorni nostri, già nel 1417 viene riportata l’esistenza di un “Preustatt” nella “Hagkagasse”, ovvero di un birrificio ubicato nel centro di Monaco di Baviera all’angolo tra Sendlinger and Hackstraße.

Il nome odierno deriva dalla fortunata unione tra la figlia del mastro birraio Maria Theresa Hacker e Joseph Pschorr, lavoratore del birrificio che nel 1793 ereditò gli averi del suocero. Sul finire del diciottesimo secolo i coniugi presero dunque in gestione l’attività facendo diventare il birrificio Hacker-Pschorr il più importante di tutta Monaco in appena una quindicina di anni.

Nel 1841 Joseph Pschorr suddivise tra i due figli il suo “impero” birrario: a Georg andò il birrificio Pschorr, mentre a Matthias l’Hacker. Negli anni successivi i fratelli portarono avanti due attività indipendenti, ma sempre strettamente legate tra loro, che proseguirono su questa strada sino a una quarantina di anni orsono.

Dopo due guerre mondiali, l’inflazione alle stelle e la crisi generale che stava attraversando la Germania, nel 1972 le due compagnie decisero di riunificarsi andando a formare la Hacker-Pschorr Bräu Aktiengesellschaft che oggi produce un’ampia gamma di ottime birre a bassa fermentazione.

L’Hacker-Pschorr è attualmente uno dei sei birrifici che propongono le loro birre Märzen in occasione dell’Oktoberfest di Monaco di Baviera, appuntamento autunnale imperdibile per gli appassionati di birra di tutto il mondo.

Birrificio e birra Hacker-Pschorr

La gamma di birre prodotte dalla Hacker-Pschorr

Sono davvero numerose le birre che, prodotte nel rispetto di una tradizione antica di secoli, oggi nascono nel birrificio della Hacker-Pschorr di Monaco di Baviera. Ecco nel dettaglio le loro caratteristiche:

  • Hacker-Pschorr Münchner Hell (5.0°): è una birra dal colore dorato, il cui profumo richiama nettamente a malto e lievito. Prodotta con malti della varietà Annabell, questa birra è caratterizzata da un sapore leggermente amarognolo ed erbaceo, con una nota floreale e una componente dominante di malto.
  • Hacker-Pschorr Münchner Kellerbier Anno 1417 (5.5°): questa specialità birraria non filtrata si presenta con un colore dorato-ambrato e con un profumo intenso di cereali e luppolo. Il sapore è dolce e maltato, con una lieve luppolatura, e presenta un mix di note fruttate (prugna, mela, uva) e caramellate; il retrogusto della Anno 1417 è piacevolmente amarognolo.
  • Hacker-Pschorr Munich Gold (5.5°): come si desume dal nome questa birra si distingue per il suo colore dorato intenso e, quanto a sapori e profumi, assomiglia per molti versi alla Münchner Hell di cui sopra. Tuttavia, a differenza di questa, la Munich Gold presenta una gradazione alcolica leggermente superiore e note maltate più accentuate, con un sapore piacevolmente luppolato e un finale speziato.
  • Hacker-Pschorr Braumeister Pils (4.9°): caratterizzata da un colore dorato brillante, questa birra presenta un aroma maltato e decisamente luppolato. Il sapore all’inizio è dominato dal malto, ma subito viene sovrastato dall’amaro del luppolo (appartenente alla varietà Tradition); la frizzantezza è piuttosto accentuata. Il finale è tipicamente secco, proprio come vuole lo stile Pils.

Una curiosità: nel 2007 la Hacker-Pschorr fu il primo birrificio di Monaco a dotare tutte le sue bottiglie di tappi meccanici, mandando definitivamente in soffitta quelli a corona.

Le birre Weizen della Hacker-Pschorr

Diverse sono anche le specialità prodotte dal birrificio Hacker-Pschorr a partire dal malto di frumento, appartenenti al gruppo delle Weizen e contraddistinte dal tipico aspetto torbido dovuto all’assenza di filtratura: eccole.

  • Hacker-Pschorr Weisse (5.5°): è una birra prodotta con lievito Siegel proveniente dalla regione dell’Hallertau, caratterizzata da un colore giallo dorato torbido. Le sue note olfattive fruttate e il suo sapore dolce, fruttato (banana) e speziato (noce moscata), insieme a una punta di amaro e ad una leggera acidità rendono questa Weizen estremamente rinfrescante e beverina.
  • Hacker-Pschorr Sternweisse (5.5°): questa birra in stile Hefeweizen presenta un colore ambrato e forma una densa schiuma; i profumi complessi ricordano il luppolo, la banana e il caramello. Al palato la Sternweisse rivela un sapore di malto non eccessivamente dolce, cui si aggiungono note fruttate (mandorla, banana), di caramello e di marzapane; molto piacevole è anche il retrogusto acidulo.
  • Hacker-Pschorr Dunkle Weisse (5.3°): questa Weisse scura (“Dunkelweizen”) presenta un colore bruno e un profumo di malto tostato, dolce e fruttato. Al palato il sapore risulta dolce e maltato, con note di banana e frutta a guscio e un finale leggermente secco.

Le birre “speciali” della Hacker-Pschorr

Altre ottime birre prodotte dalla Hacker-Pschorr, non sempre semplici da reperire nel nostro paese, sono:

  • Hacker-Pschorr Oktoberfest-Märzen (5.8°): questa birra in stile Märzen si presenta con un colore giallo oro, e con un aroma luppolato e maltato. Il sapore è ben bilanciato, non eccessivamente dolce, e grazie alla sua frizzantezza questa birra risulta molto beverina. La Oktoberfest-Märzen viene prodotta in quantità limitate ed è a disposizione solamente nel periodo autunnale.
  • Hacker-Pschorr Animator (8.1°): birra forte e di colore dorato scuro in stile Doppelbock.
  • Hacker-Pschorr Edelhell (5.5°): specialità dorata dall’intensa luppolatura, rinfrescante e con un finale amarognolo.

Informazioni di contatto

  • Hacker-Pschorr Bräu GmbH
  • Sito web: http://www.hacker-pschorr.de/
  • Informazioni: http://www.hacker-pschorr.com/en/contact
  • Indirizzo: Hochstraße 75, 81541 München (Germania)
  • Tel.: +49 (0)89 5106-0

Lascia un commento